Home page Home page degli eventi Home page dei luoghi Home page della storia Home page dei percorsi Home page della cultura Home page delle arti Home page dei lavori Home page degli artigiani Mappa del sito
linea linea linea linea
Firenze

San Lorenzo: indice
13 Giugno 2009Cerimonia d’Investitura” dell'Ordine del Santo Sepolcro in Gerusalemme nella Basilica di San Lorenzo


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
Mons. Luciano Giovannetti, Priore della Sezione Toscana e Vescovo di Fiesole presiede la "Solenne Concelebrazione Eucaristica con altri Cavalieri Ecclesiastici"


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
Nella Basilica di San Lorenzo - Firenze


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
Tra gli alti prelati, quelli toscani, che hanno ricevuto l'Investitura: il Padre Abate Dom Michelangelo Riccardo Maria Tiribilli, O.S.B. Oliv, Abate Generale della Congregazione Benedettina Olivetana - Delegazione di Siena; il Padre Abate Dom Giuseppe Casetta, O.B.V. Vall, Abate Generale della Congregazione Benedettina Vallombrosana - Delegazione di Firenze; S.E.R. Mons. Simone Giusti, Vescovo di Livorno - Delegazione di Livorno; S.E.R. Mons. Giuseppe Betori, Arcivescovo Metropolita di Firenze - Delegazione di Firenze; S.E.R. Mons. Alberto Silvani, Vescovo di Volterra - Delegazione di Pisa; S.E.R. Mons. Marco Dino Brogi, O.F.M., Arcivescovo tit. di Città Ducale e Nunzio Apostolico - Delegazione di Firenze.


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
Mons. Giuseppe Betori, Arcivescovo Metropolita di Firenze dopo l'Investitura.


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
Dopo l'Investitura nella Basilica di San Lorenzo.


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
Investitura dei Cavalieri


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
La fila verso l'altare durante l'Investitura dei Cavalieri


©www.zoomedia.it - vanna innocenti - 13 giugno 2009
La fila nella navata centrale della Basilica di San Lorenzo durante la Cerimonia
d'Investitura dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Note informative fornite dall'Ordine
- L'Ordine del Santo Sepolcro trae le sue origini storiche nel sodalizio cristiano costituitosi presso la Chiesa del Santo Sepolcro in Gerusalemme subito dopo la conquista della Città Santa da parte dei Crociati.
- Nel 1847, ripristinato il Patriarcato Latino di Gerusalemme, il Beato Pio IX, con la Bolla "Nulla Celebrior" diede nuova vita all'Ordine, affidandogli il compito precipuo di provvedere al mantenimento delle attività del Patriarcato stesso. Lo Statuto, più volte modificato (fino all'ultimo aggiornamento approvato nel 1996), ne mantenne immutata la finalità caritativa di assicurare un regolare appoggio di preghiere e di opere alle comunità cristiane in Terra Santa. Finalità che si é rivelata essenziale negli ultimi decenni, anche come mezzo per arginare la forte tendenza all’emigrazione.
Alcuni dati diffusi in questi ultimi anni dall’Università di Betlemme forniscono uno scenario quanto mai drammatico. Dal 1948, hanno lasciato la Terra Santa 230 mila cristiani. La popolazione cristiana di Gerusalemme, che conta oggi 14 mila persone, è scesa, tra il 1840 e il 2002, dal 25% al 2%. Nello stesso periodo, gli ebrei sono passati da 4 mila a 400 mila unità, mentre i 4.600 mussulmani sono diventati 143 mila.
Con i contributi dei circa 24.000 Cavalieri e Dame, raggruppati in 52 Luogotenenze (di cui 5 in Italia), l'Ordine del Santo Sepolcro, oltre alle 68 parrocchie, finanzia circa 45 scuole frequentate da oltre 19 mila ragazzi appartenenti ad ogni razza e religione.
I ragazzi cristiani che frequentano queste scuole e le cui rette scolastiche sono interamente sostenute dai Membri dell’Ordine, sono circa 10 mila. Attraverso tali aiuti, l’Ordine del Santo Sepolcro si prefigge di dare ai giovani cristiani una istruzione adeguata per inserirsi in un contesto sociale e politico, come è quello attuale della Terra Santa, dove quella cristiana è una minoranza, se non a livelli culturali e professionali di eccellenza.
Attraverso il potenziamento delle iniziative mirate alle scuole, l’impegno dell’Ordine del Santo Sepolcro, però, vuole essere prevalentemente una missione di pace. I Cavalieri e le Dame del Santo Sepolcro, dunque, impegnati a concorrere, come “operatori di pace”, al raggiungimento di quella pace che, in Terra Santa, purtroppo, appare ancora molto lontana.
Bambini e ragazzi cristiani, ebrei e mussulmani, sedendo sugli stessi banchi, imparando a convivere e a fraternizzare, avendo avuto oggi l’occasione di vivere uniti la loro formazione scolastica e culturale, liberi da pregiudizi ed antichi rancori, forse domani, potranno essere finalmente in grado di costruire insieme quella pace da tutti tanto auspicata.
“ Per giungere alla pace bisogna educare alla pace”, esortava il compianto Sommo Pontefice Giovanni Paolo II nel suo messaggio, in occasione della giornata mondiale di alcuni anni fa. In sintonia con tale esortazione, l’Ordine del Santo Sepolcro ha iniziato ad impegnare le singole Luogotenenze ad assumere, in via esclusiva, il mantenimento di una o più scuole. La Luogotenenza per l’Italia Centrale e Sardegna, fin dall’anno 2004, si è fatta carico e provvede al pagamento delle rette dei 1.000 studenti cristiani, fra i 1.900 giovani circa, che frequentano la scuola di Madaba, in Giordania. Dall’anno 2006, inoltre, partecipa al finanziamento dei lavori e delle opere di ammodernamento del Centro Scolastico Comunitario di Jenin, in Samaria e, da quest’anno, anche di quello di Aboud, nei Territori Palestinesi a nord ovest di Gerusalemme.
La vita spirituale dell’Ordine é posta sotto la protezione della Beata Vergine Maria, invocata con il titolo di Regina della Palestina (Patrona dell’Ordine). La sua festività viene celebrata, con particolare solennità, nell’ultima domenica di ottobre. Sono punti di riferimento e di esempio, inoltre, le figure dei Santi che hanno fatto parte dell’Ordine: San Pio X, (che ne fu Gran Maestro), i Beati Cardinali Giuseppe Benedetto Dusmet, Andrea Ferrari e Ildefonso Schuster, nonché Bartolo Longo (fondatore del Santuario di Pompei).
La guida ed il coordinamento delle attività dell'Ordine, che ha personalità giuridica vaticana, sono affidati ad un Cardinale Gran Maestro (attualmente S.Em.za Rev.ma il Signor Cardinale John Patrick Foley), assistito da un Gran Magistero a composizione internazionale.
La Luogotenenza per l’Italia Centrale e Sardegna, posta sotto la responsabilità di un Luogotenente (attualmente S.E. Alberto Consoli Palermo Navarra) e la guida spirituale di un ecclesiastico (attualmente S.E. Rev.ma Mons. Giovanni De Andrea, Arcivescovo titolare di Acquaviva, Nunzio Apostolico), ha competenza territoriale nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche, Molise, Sardegna, Toscana ed Umbria ed amministra circa 2.500 persone, tra Cavalieri (laici ed ecclesiastici) e Dame.

inizio

Indice San Lorenzo

- ... alla Biblioteca Medicea Laurenziana

- Nel Museo delle Cappelle Medicee:
- - Nel segno dei Medici. Tesori sacri della devozione granducale
- - Arte e Politica. L'Elettrice Palatina e l'ultima stagione della committenza medicea in San Lorenzo
- - Nello splendore mediceo. Papa Leone X e Firenze
- - “Parigi val bene una Messa!” L’omaggio dei Medici a Enrico IV re di Francia
- - Ferdinando I de’ Medici (1549-1609) Maiestate Tantvm
- - Gian Gastone (1671-1737) Testimonianze e scoperte sull'ultimo Granduca de' Medici
- Donatello, la tomba nella Cripta
- Nel sottochiesa e nel Salone di Donatello

- Museo Casa Martelli, mostra: "L'altra metà del cielo. ..."
- Museo del Tesoro (immagini)
dell'Insigne Basilica di San Lorenzo ampliato nella nuova sala dedicata al Pontormo
- Sant'Orsola:
accende le luci
- Tradizioni: Festa di San Lorenzo
-
Musica Sacra nella Basilica di San Lorenzo
-
Manifestazioni del Centenario dell' Opera Medicea Laurenziana e avvio dei festeggiamenti nella Basilica di San Lorenzo
-
Proiezione dei disegni di Michelangelo sulla facciata, del 18 febbraio 2007
- Mostra sull'ultima della famiglia Medici: "La principessa saggia.
L'eredità di Anna Maria Luisa de' Medici Elettrice Palatina
" - 2007, Palazzo Pitti, Galleria Palatina

inizio

linea linea linea
www.zoomedia.it pubblicazione registrata al Tribunale di Firenze n° 5555 del 20/02/2007
© zoomedia 2007 - 2015 Copyrights - Tutela della privacy - Abbonamenti - Contributi - Pubblicità
Pagina pubblicata il 19-06-2009 - Aggiornato il 19-Giu-2009