Home page Home page degli eventi Home page dei luoghi Home page della storia Home page dei percorsi Home page della cultura Home page delle arti Home page dei lavori Home page degli artigiani Mappa del sito
linea linea linea linea
Toscana - Prato - Duomo - Cattedrale di Santo Stefano
Affreschi restaurati
©www.zoomedia.it vanna innocenti 5 maggio 2007
Cala il telone dalla Cappella Maggiore della Cattedrale di Santo Stefano, si rivedono gli affreschi, appena restaurati, del capolavoro rinascimentale di Filippo Lippi e le vetrate da lui disegnate

Il Duomo di Santo Stefano, dedicato al patrono della città, segna il centro civile e religioso della città di Prato ed è cattedrale dal 1653; la costruzione è realizzata in alberese e serpentino (il marmo verde di Prato).
In origine, sul luogo, vi era impiantata una pieve risalente al VI-VII secolo, ricostruita nel X secolo e, più volte nel tempo, via via, con l'espansione della città che divenne libero comune intorno al 1142.
Ampliamenti successivi della cattedrale furono legati anche alla diffusione della venerazione della reliquia della Sacra Cintola. Oggi è una delle chiese romanico-gotiche toscane più significative.

Vista d'angolo del duomo di Prato
©www.zoomedia.it vanna innocenti 5 maggio 2007
Cattedrale di Santo Stefano, vista del campanile (Guidetto da Como inizi '200 e completato in alto con le trifore nel 1356-57) e del pulpito di Donatello (qui la tradizionale cerimonia dell'ostensione del "sacro cingolo")

Navata centrale con la Cappella Maggiore illuminata
©www.zoomedia.it vanna innocenti 5 maggio 2007
Navata centrale della Cattedrale di Santo Stefano libera dal cantiere.
La Cappella Maggiore illuminata dopo il restauro del ciclo degli affreschi di Filippo Lippi:
"Storie di Santo Stefano (sulla sinistra) e San Giovanni".

Il Duomo conserva, all'interno, notevoli opere d'arte come i cicli di affreschi: le Storie dei Santi Stefano e Giovanni Battista con Il Banchetto di Erode e la Salomé danzante eseguiti da Filippo Lippi e collaboratori (1452-1465), che decorano la cappella Maggiore; le Storie della Vergine e della Sacra Cintola (1392-95) di Agnolo Gaddi e bottega nella cappella della Sacra Cintola, le Storie della Vergine e di Santo Stefano attribuite a Paolo Uccello (1397-1475), nella cappella dell'Assunta; le preziose opere scultoree: il Tabernacolo della Madonna dell'Ulivo, (1480) dei fratelli Giuliano, Giovanni e Benedetto da Maiano; la Madonna con Bambino di Giovanni Pisano e il crocifisso bronzeo sull'altare (1653) di Ferdinando Tacca.

linea linea linea

www.zoomedia.it pubblicazione registrata al Tribunale di Firenze n° 5555 del 20/02/2007
© zoomedia 2007-2016 Copyrights - Tutela della privacy - Abbonamenti - Contributi - Pubblicità
Pagina pubblicata il 15-06-2007 - Aggiornato il 27-Lug-2008