Home page Home page degli eventi Home page dei luoghi Home page della storia Home page dei percorsi Home page della cultura Home page delle arti Home page dei lavori Home page degli artigiani Mappa del sito
linea linea linea linea
Cinema: Cinema - Incontri - Attività allo Stensen

Il rapporto tra religione e sessualità nelle diverse tradizioni religiose ieri, oggi e domani

Religione e sessualità: una relazione che da secoli continua e continuerà a destare grande interesse, sconfinati dibattiti e appassionate polemiche. Se da un lato il sesso e la sessualità sono stati spesso percepiti come avversi all’esperienza religiosa, dall'altro, e non solo di recente, ci sono religioni che cercano di integrare e valorizzare la sessualità e il sesso nell’ambito delle loro proprie dinamiche spirituali e percorsi etico-formativi. La storia delle numerose tradizioni religiose del mondo permette di cogliere, in proposito, una varietà e pluralità di possibili interpretazioni e spiegazioni di questo complesso e affascinante dibattito. Nel corso dei presenti incontri, alcuni tra i più qualificati studiosi ci aiuteranno a meglio comprendere la relazione tra religione e sessualità, quale essa si configura in sei diverse tradizioni religiose: islamica, buddhista, ebraica, indiana, taoista e cristiana.

Sabato 13 febbraio ore 16
Il rapporto fra religione e sessualità nell’Islam
Prof. Alessandro VANOLI (Università di Bologna)


Sabato 20 febbraio (ore 16-19)
Francesco Sferra (Univ. l’Orientale di Napoli)
Il rapporto fra religione e sessualità nel Buddhismo

Sabato 27 febbraio (ore 16-19)
Piero Capelli (Università di Venezia)
Il rapporto fra religione e sessualità nell’Ebraismo

Sabato 6 marzo (ore 16-19)
Federico Squarcini (Univ. di Firenze, Univ. ‘La Sapienza’ di Roma)
Il rapporto fra religione e sessualità nell’India

Sabato 13 marzo (ore 16-19)
Ester Bianchi (Univ. di Perugia)
Il rapporto fra religione e sessualità nel Confucianesimo e nel Taoismo

Sabato 20 marzo (ore 16-19)
Prof. Don Cataldo Zuccaro (Pont. Univ. Urbaniana)
Il rapporto fra religione e sessualità nel Cristianesimo

AUDITORIUM STENSEN – Viale don Minzoni 25C – 50129 FIRENZE 055.576551 - segreteria@stensen.org - www.stensen.org
INGRESSO LIBERO


INCONTRI FORMATIVI
SUL RELIGIOSO CONTEMPORANEO


L’epoca in cui viviamo esige alti livelli di comprensione della realtà religiosa circostante, così come richiede una qualità dell’informazione sulle tematiche religiose senza precedenti. Tuttavia, comprendere e approfondire una qualsivoglia questione socio-politico-religiosa richiede tempo, impegno e qualità. Requisiti, questi, sempre meno reperibili ai giorni nostri. Servono quindi nuovi spazi e nuovi contesti, in cui sia possibile far incontrare l’alta qualità dell’informazione con la scarsità del tempo disponibile alla formazione.
Solo al seguito di una fase di informazioni, dunque, si potrà procedere verso una seconda e matura fase di approfondimento e discussione, costituendo così le premesse per la nascita di un luogo di informazione e riflessione.
Questa serie di cicli annuali di incontri formativi raccoglie tutti gli aspetti di questa sfida, ponendosi come obbiettivo principale quello di offrire ai suoi partecipanti una informazione di alto livello scientifico, in un tempo ragionevolmente contenuto, e in un contesto relazionale informale che agevoli l’impegno. Successivamente, verranno anche immaginate le occasioni per passare dall’informazione alla discussione.
Nelle diverse edizioni di questo progetto saranno affrontate da vicino –e con sempre maggiore analiticità– numerose tematiche rilevanti, a partire da come configuratesi e articolatesi in seno alle sei tradizioni religiose prese in esame:

1. Islam
2. Induismo/Daoismo
3. Ebraismo
4. Cristianesimo
5. Confucianesimo
6. Buddhismo


Questa la lista dei temi che verranno trattati nelle prossime edizioni di questi cicli formativi:

2011:I modelli socio-politici generati e avanzati dalle religioni: sovranità, diarchie e solidarietà;
2012:I modelli di incontro, confronto e convivenza fra le diverse tradizioni religiose, ieri, oggi e domani;
2013:I rapporti fra religione e violenza nelle diverse tradizioni religiose, ieri, oggi e domani;
2014:La distinzione fra clero e laicato nelle diverse tradizioni religiose, ieri, oggi e domani.

 

Cinema - Incontri - Attività allo Stensen

IN ARCHIVIO

Novembre Stenseniano - OTTOBRE 2007 - Crisi della speranza?

È UN GIOCO DA RAGAZZI? Il cinema racconta il gioco
 
Un’importante conquista sociale degli ultimi decenni è stata l’attestazione del diritto al gioco da parte di bambini e adolescenti. Allo stesso tempo, tuttavia, la nostra è diventata una società che dedica sempre più tempo e spazio allo spettacolo, all’intrattenimento, al divertimento.
La“È un gioco da ragazzi?” nasce dalla volontà di comprendere quale e quanto spazio riservi ancora la società al divertimento infantile in un contesto culturale che vede il gioco trasformarsi da pratica edonistica fine a sé stessa o mirata alla formazione dell’individuo, in un’abitudine culturale generalizzata, in una forma di regressione, in un’occasione per allontanarsi dalla propria identità anche (e forse soprattutto) per gli “adulti”.
Attraverso quattro film del passato più o meno recente, seguiti da altrettanti incontri con esperti in campo ludo-pedagogico, la rassegna cercherà di chiarire quale valenza abbia oggi il gioco individuale, quali siano le nuove forme di aggregazione ludica degli adolescenti, che genere di rapporto si instauri tra le “regole del gioco” sociale – sempre più incerte – e l’insofferenza dei giovani verso di esse, come sia cambiato il rapporto tra minori e gioco nella società dei consumi.
 
Venerdì 5 Ottobre – ore 21.00
Il gioco tra espressione dell’individualità e fuga dalla realtà
Garage Demy di Agnès Varda (Fra 1991, 118’)
Intervengono:
Riccardo Poli – Pedagogista e formatore
Roberto Farnè – Docente di Didattica generale, Università di Bologna
 
Venerdì 12 Ottobre – ore 21.00
Vecchie e nuove dimensioni del gioco di gruppo
La guerra dei bottoni di Yves Robert ( Fra 1961, 95’)
Interviene:
Beniamino Sidoti –  Animatore e formatore
 
Venerdì 19 Ottobre – ore 21.00
Un mondo di marionette: ruoli e maschere nel gioco sociale
Election di Alexander Payne (Usa 1999, 102’)
Interviene:
Giovanni Castellani - Presidente di “Democrazia in erba”
 
Venerdì 26 Ottobre – ore 21.00
Tra essere e avere: giocando s’impara o (ci) si consuma?
La città incantata di Hayao Miyazaki ( Jap 2001, 122’)
Intervengono:
Fabio Paglieri - Ricercatore dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del CNR
Giancarlo Paba – Ordinario di Pianificazione territoriale, Università di Firenze


Novembre Stenseniano - OTTOBRE 2007 - Crisi della speranza?
(Sabato mattina, ore 9 – 12, per le scuole – Sabato pomeriggio, ore 16 – 19, per il pubblico)
 
Sabato 6 Ottobre
Presiedono: Aldo BECCIOLINI e Giuseppe GRAZZINI
Orizzonti planetari del rischio
- L'uomo planetario come risorsa e rischio (Gianni TAMINO)
- Mutazioni climatiche e ambientali (Giampiero MARACCHI)
 
Sabato 13 Ottobre
Presiedono: Luca MORI  e Debora SPINI
Complessità sociali e politiche
- Flussi immigratori e nuove identità (Maurizio AMBROSINI)
- Guerra, pace e democrazie (Alessandro COLOMBO)
 
Sabato 20 Ottobre
Presiedono: Francesco Paolo FIRRAO e Alberto PERUZZI
Misura e dismisura del tempo
- Vertigini della dismisura: tempo del cosmo e tempo umano (Piero RAFANELLI)
- I tempi dell’interazione uomo-robot e la tecnoetica (Guglielmo TAMBURRINI)
 
Sabato 27 Ottobre
Presiedono: Gian Maria RAIMONDI e Pietro DE MARCO
Ripensare la speranza?
- Fondamenti della speranza (Severino DIANICH)
- Il “principio speranza” - Memoria di Ernst Bloch (1885-1977) (Gerardo CUNICO)
 
 
NOVEMBRE 2007 - Speranze e attese
(al pomeriggio per il pubblico: ore 16-19)
 
Sabato 3 Novembre
Presiede: Salvatore CALIFANO
Attese dalle tecno-scienze
- Prospettive dalla biologia (Paolo VEZZONI)
- Prospettive dalla Fisica (Nicola CABIBBO)
 
Sabato 10 Novembre
Presiede: Alessandro MARIANI
Attese dalla formazione
- Perché educare? (Franco CAMBI)
- La sfida planetaria dell’educazione (Salvatore CARRUBBA)
 
Sabato 17 Novembre
Presiede: Paolo ERMINI
Attese dalle etiche

- Progetti di etica mondiale (Gianmaria ZAMAGNI)
- La responsabilità fra etica e politica (Furio CERUTTI)
 
Sabato 24 Novembre
Presiede: Federico SQUARCINI
Attese dalle religioni
-
Le religioni di fronte alla mondializzazione (Carlo CARDIA)
- Futuro dell’uomo e speranza cristiana (Carlo MOLARI)
 
Sabato 1° Dicembre
ore 17,00
INCONTRO CONCLUSIVO
Presiede: Sergio GIVONE
La speranza nell’arte e nel pensiero contemporaneo
[Antonio NATALI e Aldo SCHIAVONE]

________ .... ________

GUARDARE IL FUTURO
Speranze Attese Responsabilità 4 Ottobre – 1° Dicembre
AUDITORIUM STENSEN - VIALE DON MINZONI 25/C - FIRENZE

Nel mondo postmoderno e multiculturale contemporaneo, la potenza operativa delle tecno-scienze non finisce più di crescere e di sorprendere, costituendo, insieme all’economia, uno dei maggiori fattori o operatori del processo di globalizzazione. Le potenzialità di decostruzione e di creazione della civiltà tecno-scientifica non sembrano più limitate a priori da alcun ordine naturale o vincolo biofisico. La tradizionale concezione strumentale e antropocentrica della tecnica, che ha prevalso per secoli, è divenuta tanto più obsoleta quanto più il soggetto umano è stato naturalizzato e sempre più asservito al coinvolgente potere delle nuove tecno-scienze. Oggi, la polivalenza della ricerca e dello sviluppo tecno-scientifici si manifesta nella maniera più spettacolare soprattutto nell’ambito delle biotecnologie e della ricerca biomedica, ma anche nelle tecnologie dell’informazione, della comunicazione e dell’universo virtuale. Non è un movimento nuovo; l’uomo, infatti, fin dal suo sorgere è stato “artificiale”, giocando d’astuzia con gli ostacoli e le inerzie che si opponevano alla sua libertà e ai suoi desideri; si è solo accelerato, diversificato e amplificato in modo straordinario nel corso degli ultimi due secoli e in particolare negli ultimi decenni.
Non è neppure così lontana l’epoca in cui l’inizio del mondo si poteva contare in poche migliaia di anni, e la sua fine era attesa in un avvenire quasi prossimo. Oggi, a monte e a valle dell’umanità s’è scavato un abisso temporale senza uguali rispetto alla scala umana dei tempi: il futuro davanti a noi deve essere contato in decine o centinaia di miliardi di anni, un futuro radicalmente aperto e oscuro, nel quale si protende la nostra specie. La nuova temporalità delle tecno-scienze non ha quasi più nulla in comune con i racconti tradizionali delle origini, sia religiosi che ideologici. Sembra dipendere di più dall’immaginario o dalla fantascienza.
Di fronte a questa inedita “dismisura” della temporalità, - con tutte le incognite che la attraversano, - e alla crescente potenza operativa delle tecno-scienze, - che consente un’apertura pressoché illimitata del possibile, - come evitare la precipitazione e tutte quelle false attese e speranze che potrebbero compromettere uno “sviluppo sostenibile e affidabile” e anche minacciare le condizioni di ”abitabilità” del nostro pianeta? Come gestire la contingenza radicale associata alla “dismisura” del tempo e, soprattutto, l’evidente difficoltà a suscitare e infondere concreti elementi di speranza, integrando sensibilità religiosa e operatività tecno-scientifica? Sono ancora proponibili e operativi i diversi modelli di speranza e di responsabilità elaborati e sperimentati dalle varie culture nel corso della storia? In che cosa realmente spera o può ragionevolmente sperare l’uomo d’oggi?
Con un approccio pluri e interdisciplinare, nel corso di due mesi, tenteremo di considerare e affrontare alcuni di tali interrogativi, descrivendo e valutando quegli aspetti e ambiti della contemporaneità post-moderna che presumiamo essere più urgenti e problematici, alla ricerca di positivi elementi di fiducia in un “futuro attendibile”, tra speranza e responsabilità. Il percorso sarà anche accompagnato da un ciclo di proiezioni filmiche sul tema e da un’esposizione d’arte contemporanea .
Come per le precedenti edizioni del Novembre Stenseniano, proporremo nuovamente l’attivazione di Laboratori Didattici per la declinazione dei temi trattati in ambito didattico scolastico, con la partecipazione attiva di numerosi studenti, docenti e scuole.

Cinema - Incontri - Attività allo Stensen

________ .... ________

 

linea linea linea

www.zoomedia.it pubblicazione registrata al Tribunale di Firenze n° 5555 del 20/02/2007
© zoomedia 2007-2016 Copyrights - Tutela della privacy - Abbonamenti - Contributi - Pubblicità
Pagina pubblicata il 27-10-2006 - Aggiornato il 14-Feb-2010