Home page Home page degli eventi Home page dei luoghi Home page della storia Home page dei percorsi Home page della cultura Home page delle arti Home page dei lavori Home page degli artigiani Mappa del sito
linea linea linea linea

Cultura: commemorazioni, conferenze, incontri, letture, proposte, inviti

Il “TEATRO DEL CIELO” presenta
L’OROLOGIO DI BOLOGNA
di MARGHERITA GUIDACCI

Oratorio a più voci
dedicato alle vittime della strage avvenuta
il 2 Agosto 1980 alla Stazione di Bologna.

Coordinatore PAOLO COCCHERI
Musiche GUSTAV MAHLER

DOMENICA 2 AGOSTO 2009 ore 19 con INGRESSO GRATUITO - Spazio “Orazio Costa – Jacques Copeau” - Presso l’Eremo di Vincigliata - Via di Vincigliata, 12 a Fiesole (FI)

L’OROLOGIO DI BOLOGNA
Oratorio a più voci dalle colline fiorentine

La mattina del 2 agosto 1980 un ignoto terrorista depositò una valigia piena di esplosivo in una angolo della sala di aspetto della stazione di Bologna. La stazione era molto affollata: si era nel periodo delle vacanze ed era il primo sabato di agosto. L’esplosione avvenne alle 10.25; su quell’ora si fermarono le lancette dell’orologio esterno della stazione la cui immagine, replicata infinite volte dai mezzi di informazione, divenne quasi un simbolo di quel terribile evento. Il numero dei morti fu altissimo: di gran lunga il più alto che si fosse mai avuto per un attentato terroristico in Europa.Ai primi di Novembre dello stesso anno l’autrice Margherita Guidacci si trovava a Bologna ospite del figlio. In quei giorni il ricordo della strage era ulteriormente presente per la ricorrenza del giorno dei morti. La mattina del 3 Novembre l’autrice si svegliò colpita da uno strano silenzio. Aprì la finestra e vide i tetti coperti da un alto strato di neve. La neve continuò a cadere per tutta la giornata. Alla Guidacci tornò in mente l’ultima pagina di “Gente di Dublino” di Joyce con la neve che cade “su tutti i vivi e su tutti i morti”. Da qui il desiderio di comporre un “Requiem” per le persone che pochi mesi prima erano morte tanto tragicamente nella città dove la poetessa si trovava.Nell’opera della Guidacci molti sono i riferimenti biblici coniugati con gli avvenimenti del quotidiano e con i fatti avvenuti la mattina del 2 agosto 1980.Lo spettacolo viene introdotto da un ricordo della strage di Capaci con l’attentato al giudice Giovanni Falcone e ai quattro componenti della scorta e a quello avvenuto 57 giorni dopo al giudice Borsellino.Segue dibattito. Ingresso libero.

In archivio:
- Commemorazione del 150° anniversario della nascita di SIGMUND FREUD
(06/05/1856- 23/09/1939) di Paolo Manzelli

linea linea linea

www.zoomedia.it pubblicazione registrata al Tribunale di Firenze n° 5555 del 20/02/2007
© zoomedia 2007-2016 Copyrights - Tutela della privacy - Abbonamenti - Contributi - Pubblicità
Pagina pubblicata il 31-07-2009 - Aggiornato il 02-Giu-2015